Il Ferro Battuto

In copertina: casa in Liguria, progetto Arch. Marisa Montolino Poletti
Una rosa, scultura in ferro di Fabbro Zino L.T.A.
Un monolocale a Milano. Il divano letto.

Dove il ferro si esprime col sorriso

Come porgere un fiore appena colto: volute di leggiadria, svolazzi di allegria, riccioli di fantasia. Il ferro battuto trova bellezza in una materia che è sinonimo di forza: la piega nella forma, la traduce in gesti di eleganza. L’arte antica si è raffinata nel tempo e oggi dà il meglio di sé nelle sedute, nei tavoli, nei mancorrenti, e in griglie, cancelli, letti, librerie... La forza intrinseca al materiale si traduce in immagini di leggerezza, in cui elementi di sezione minima offrono prestazioni di eccellenza, sostenendo anche pesi importanti, con la grazia dell’acrobata che compie l’esercizio più arduo col sorriso sulle labbra.

Un monolocale a Milano.
La scala e la libreria.
Una casa in Sardegna.
Progetto Arch. Claudio Fassi

 

se è piaciuto questo articolo 

Commenti

Commenta questa notizia

Tutti i commenti saranno sottoposti ad approvazione da parte della redazione di dibaio.com. Lasciate il vostro contributo.

Per contribuire è necessario confermare il proprio indirizzo e-mail ed effettuare la login

Se non sei registrato clicca qui

TUTTI I COMMENTI NUOVI COMMENTI

x

Si No
%A
CARRELLO
TAG