Approfondimenti tecnici

Approfondimenti tecnici

Libri antichi, curiosi, intriganti. Accatastati accanto al letto, nascosti sotto il divano, impilati vicino al caminetto, i libri sono per molti un’autentica passione. Nelle pagine a seguire alcune stimolanti soluzioni per rilassarsi con una buona lettura!

Piled up next to the bed, stacked near the fireplace or hidden under the sofa, books are a real passion for many of us. The pages that follow provide interesting ideas for settling down to a good read.

Stimolante, unica, irripetibile nella sua personalità: questa l’atmosfera che ognuno desidera dare alla propria abitazione ed in particolar modo al soggiorno, l’ambiente che, per la sua ampiezza e centralità, rappresenta il vero “cuore” della casa ed il gusto di chi vi abita. Dettaglio non trascurabile è la scelta delle librerie. A vetri, a parete o a vani mobili, artigianali o griffate da famosi designers, consentono di disporre in modo razionale libri di formato regolare e tomi oversize. In stile, classiche, d’avanguardia o ispirate agli anni ‘60 le librerie arredano, privilegiando strutture in legno di
noce, frassino o ciliegio, ma lasciandosi sedurre anche da materiali plastici o da inedite fusioni metalliche. A parete, pensile o alloggiata su ruote, la libreria evolve e si trasforma, mutando il colore di pannelli ed ante a vetro, aumentando
la sua capienza con l’aggiunta di nuovi moduli.

We all want to give our living room an air of uniqueness with a stimulating and unrepeatable personality. It is, after all, the heart of the home, owing to its size and centrality, which represents the taste of its inhabitant. One element worth taking seriously is the bookcase. It can be made of glass, set in a wall or be mobile; it can have a designer label or be custom made, and it provides a rational way for storing regular or oversized books. Repro, classical, avant-garde,
or in 1960s style, bookcases furnish their settings and look best when made of walnut, ash, or cherry wood, although plastics or unusual metal combinations will

Nelle foto: Al centro del soggiorno si trova il camino, con la cornice in “biancone di Trani”, inserito all’interno di un’alta
libreria in legno laccato color panna, entrambi realizzati artigianalmente su disegno dell’architetto Teresa Pellegrino. I divani sono Frau e il tavolino è di fattura artigianale. Applique in gesso di Atelier Sedup. In questa pagina, sotto un
tetto a falde, una libreria minimalista, elegante e sottile, disegnata dagli architetti Carpani, Masoni e Tasso. Gli oggetti dell’arredamento sono di design, la struttura e i materiali dell’architettura sono invece rustici ma il colore li unifica. In primo piano un pezzo di Cassina e “Mama” di Valer. La statua destrutturalista davanti al pilastro è opera di Marco
Porta. Accanto alla finestra lampada di Fontana Arte.

Fireplace at the centre of the living room, with a 'biancone di Trani' frame, inserted in a tall bookcase in cream coloured lacquered wood, both custom-made on a design by architect Teresa Pellegrino. The sofas are by Frau, and the small table is custom made. Plaster wall lamp by Atelier Sedup. On this page, a minimalist, elegant and slender
bookcase under a pitched roof, designed by architects Carpani, Masoni, and Tasso. The furnishing elements are all designer made, the structure and materials used are rustic but colour has been used to unify them. In the foreground,
a piece by Cassina, and 'Mama' by Valer. The destructuralist statue in front of the pillar is by Marco Porta. Lamp by
Fontana Arte next to the window.

Strutture aeree

Nella foto in alto un grande soggiorno, schermato dalla parete gialla curvilinea, che comprende la zona pensata per la musica. Sulla parete di fondo giallo chiaro vi è una libreria, realizzata su progetto dell’architetto Sbalchiero, con ripiani in cristallo antisfondamento e montanti in ferro dipinto nella stessa tonalità del muro. La poltrona e il pouf di pelle nera sono prodotti da Divani & Divani; i tappeti, sul pavimento di legno doussiè africano, sono kilim dell’Anatolia. Il tavolo basso in teak e paglia di Vienna è della seconda metà dell’800. Nella foto grande a lato, la scala, su disegno, ha una struttura leggera con montanti e corrimano in acciaio, mentre la pedata dei gradini è in cristallo antisfondamento. E’ altrettanto aerea la vicina libreria in cristallo con montanti
giallini che si confondono con la parete.


Una progettualità in continuo divenire che si legge nei ripiani estraibili, nelle lastre di cristallo curvato, nelle angoliere “salvaspazio”. Intorno ad esse si organizza l’area conversazione, si dispone lo scrittoio antico, si colloca la chaise longue. La libreria diventa così il nucleo della propria privacy, il punto di riferimento per serate a tutto relax.

Bookcase design is always on the move, as can be seen with the use of pullout shelves, curved glass panels, and space-saving corner solutions. Placed next to the bookcase are conversation areas, perhaps with an old desk or a lounger. The bookcase thus becomes a focal point of privacy in the company of which you can enjoy a relaxing evening.

Nelle foto: una elegante libreria artigianale realizzata in legno di abete e ciliegio. Evocazioni d’Oriente in una casa high-tech. Il primo mobile che si vede entrando in questo appartamento situato nel centro storico di Milano è la libreria dove i libri, se hanno a volte sostituito i viaggi, hanno dato le chiavi di lettura per comprendere culture anche lontane. Tutti gli elementi d’arredo sono caratterizzati da forti connotazioni tattili o cromatiche. In casa infatti emerge la predilezione per i segni evocatori di luoghi anche lontani. Questa attenzione si rivela anche nella scelta dei tappeti etnici e degli arredi asiatici. Above, elegant custom-made bookcase in cherry wood and pinewood.

Oriental evocations in a high-tech home. The first furniture item you see coming into this apartment located in the historical centre of Milan is the bookcase. The books it contains have sometimes replaced journeys, providing a key to understanding distant cultures. All the furnishing elements have strong tactile and chromatic connotations. The home seems to have a predilection for calling to mind distant lands. This can also be seen by the choice of ethnic rugs and oriental furniture.

La luce più giusta

Le lampade in commercio sono molte ed ognuna produce un diverso tipo di luce adatto a differenti funzioni. Quando si legge, per non affaticare gli occhi, bisogna utilizzare una luce diretta, che illumini convenientemente le pagine del libro.
LUCE DIFFUSA: illumina l’ambiente nel suo insieme, diffondendo un’illuminazione morbida, priva di ombre e quindi piatta. La luce emessa viene utilizzata completamente ma il comfort visivo è scarso per l’intensità luminosa della lampada che abbaglia.
LUCE DIRETTA: la presenza di uno schermo superiore opaco favorisce l’illuminazione di una zona specifica dove la luce, secondo una precisa e ben definita direzione, viene proiettata e concentrata. Indispensabile dove le attività richiedono la concentrazione di luce. E’ il caso della lampada a sospensione.
LUCE INDIRETTA: è indicata per l’illuminazione generale dei locali e le sorgenti luminose nascoste alla vista illuminano una superficie che a sua volta riflette la luce ricevuta. La luce diffusa in questo modo è uniforme, tenue, con ombre deboli e sfumate e crea effetti rilassanti in quanto non c’è nessun riverbero. Di questo tipo sono le lampade alogene da terra, le lampade da muro.

LUCE PUNTIFORME: è perfetta per illuminare
un oggetto, un dipinto, una scultura. E’
un’illuminazione diretta che usa lampade
chiare con riflettore costituito da un proiettore per dirigere con effetti scenografici i fasci luminosi verso punti ben precisi.

Proposta di progetto: il secrétaire Sobrio e raffinato, dall’ingombro estremamente ridotto, dovrà essere realizzato con due essenze lignee e cromaticamente contrastanti, come il noce di tonalità scura e il frassino. Presenta come elemento decorativo una serie di tagli degradanti e, al centro, cinque fori per aprire il piano scrittoio. Le dimensionipossono contenere all’interno
il monitor del computer. (Progetto C. Molteni)

Project idea: the secretaire

Simple, elegant, and taking up little space, it needs to be made of two woods of contrasting colour such as dark walnut and ash. The decorative element comes from a series of cuts and, at the centre, five holes with which to open the desktop. It can be big enough to contain a monitor. (Project by C. Molteni).


se è piaciuto questo articolo 

Commenti

Commenta questa notizia

Tutti i commenti saranno sottoposti ad approvazione da parte della redazione di dibaio.com. Lasciate il vostro contributo.

Per contribuire è necessario confermare il proprio indirizzo e-mail ed effettuare la login

Se non sei registrato clicca qui

TUTTI I COMMENTI NUOVI COMMENTI

x

Si No
%A
CARRELLO
TAG