Raffrescamento naturale

PORTE E FINESTRE

Luogo di vacanza, in prossimità del lago ma tra le fronde del bosco: la piscina nel giardino sul lato meridionale è momento di mediazione col paesaggio che vi si rispecchia, ma anche lido privato.
Luogo di vacanza, in prossimità del lago ma tra le fronde del bosco: la piscina nel giardino sul lato meridionale è momento di mediazione col paesaggio che vi si rispecchia, ma anche lido privato.

ARCHITETTURA: DESIGN SOSTENIBILE

A un’altitudine di meno di 200 metri sul mare, Christie Beach sta sul lago Hurton, nell’Ontario in Canada: una località tipicamente vacanziera nel contesto di un’area protetta e caratterizzata dal clima relativamente mite. L’estate può essere goduta praticando gli sport acquatici e la spiaggia ha sabbia dorata. Anche d’inverno, quando la neve imbianca il panorama, il sito è sempre ricercato per vivere all’aria aperta. La casa è pensata per ospitare una famiglia allargata: quattro generazioni, dai bisnonni ai nipotini. L’armonia d’insieme e il rispetto per la privacy si uniscono per informare l’architettura, sia nella distribuzione interna, sia nel rapporto con la natura circostante. Di qui la pianta lineare che presenta un grande salone rivolto verso sud con un’alta facciata interamente vetrata che raccoglie tutta la luce del sole mentre si apre verso la piscina e il giardino.
Le camere da letto sono poste al piano superiore in un corpo ortogonale, così che lo spazio per il giorno, che è anche il luogo degli incontri e della vita in comune, resta quello più intensamente illuminato dal sole, centro gravitazionale della casa, votato all’allegria.

Luogo di vacanza, in prossimità del lago ma tra le fronde del bosco: la piscina nel giardino sul lato meridionale è momento di mediazione col paesaggio che vi si rispecchia, ma anche lido privato.
Le grandi vetrature sono studiate per raccogliere la luce e il calore del sole.
Le pareti totalmente trasparenti sono apribili nella parte bassa, definita dal fascione “marcapiano” che separa i due livelli delle vetrature; nella parte superiore, dove sono fisse, seguono l’andamento inclinato del tetto. Vetri e piscina formano due superfici a specchio in dialogo tra loro.

Altius
Altius

Altius

Altius è uno Studio di Architettura canadese che svolge un’opera professionale a tutto campo: dal progetto alla direzione lavori. Col suo affiatato team - di cui fanno parte oltre agli architetti, anche ingegneri, consulenti e tecnici delle costruzioni - offre un approccio olistico, dall’architettura all’impiantistica al cantiere. Lo scopo di di “raggiungere un prodotto che sia superiore alla somma delle parti di cui si compone”. Per ottenere tale risultato Altius opera in modo collaborativo con tutti coloro che concorrono alla  realizzazione.
L’orientamento di base è verso la realizzazione di edifici ben caratterizzati quanto a disegno e studiati in modo tale da rispondere a tutti i criteri della sostenibilità: il che riguarda non solo il risparmio energetico, ma anche la scelta di utilizzare il più possibile i materiali locali così da ridurre al minimo i trasporti.
Oltre ai componenti del gruppo, Altius ricorre a consulenti esterni in un fitto dialogo e scambio di conoscenze nel campo strutturale, meccanico e della sostenibilità.
La propensione al dialogo e alla collaborazione non si limita ai membri del gruppo, è estesa anche ai committenti. In particolare nella regione dell’Ontario lo Studio ha realizzato progetti di notevole valore paesaggistico.
Oltre a curare il progetto, il gruppo segue la realizzazione degli edifici, e ha stabilito un tradizione di collaborazione con i costruttori delle varie zone del Canada in cui ha operato. Questo consente di risolvere al meglio i problemi che eventualmente si presentino e di stabilire una vera continuità tra il disegno e la sua concretizzazione.

Prospetto interno verso il pranzo e la cucina a vista, oltre la quale si nota la fascia alta finestrata (i rivestimenti sono in legno nelle parti verticali e nel soffitto); vista del salotto-loft.
Prospetto interno verso il pranzo e la cucina a vista, oltre la quale si nota la fascia alta finestrata (i rivestimenti sono in legno nelle parti verticali e nel soffitto); vista del salotto-loft.

Il salone si prolunga in un salotto superiore

Da parte opposta rispetto a quella dove si innesta il corpo delle camere da letto, il salone si prolunga in un salotto superiore, cui si accede tramite una scala,e qui la copertura si eleva con andamento iperbolico ad aumentare l’altezza del volume, generando una molteplicità di livelli nelle prospettive interne. Se reconditi sono gli ambienti per la notte, il vasto salone articolato e ampio fa tutt’uno col panorama. Totalmente vetrato su due lati, è dotato di due ordini di serramenti: uno inferiore e uno superiore. Nella parte bassa sono apribili a scorrimento e sormontati da un fascione “marcapiano” diritto; mentre nella parte superiore, dove seguono l’andamento inclinato del tetto, sono in prevalenza fissi, seppure dotati di finestre apribili a libro nel salotto sopraelevato.
L’edificio è realizzato con design e strutture atte al condizionamento naturale: la ricchezza di superfici lignee è intesa a isolare termicamente, e i muri sono realizzati in ICF (Insulating concrete forms, forme di poliuretano isolante riempite in cemento). I vetri sono a loro volta altamente isolanti. L’andamento della copertura è studiato per favorire l’effetto “camino” che facilita la circolazione dell’aria, permettendo di diffondere calore in inverno e di favorire il raffrescamento d’estate. Il salone è un poco come una grande “serra” atta a raccogliere il calore del sole basso invernale, immagazzinato nelle masse di pietra calcarea e nella pavimentazione in composti di gesso (gypcrete), ma schermata dagli sporti del tetto in estate.

La zona pranzo, e sullo sfondo la parete verso nord, spessa e coibentata, e la scala che porta al salotto superiore; vista esterna del cortile terrazzato.
La zona pranzo, e sullo sfondo la parete verso nord, spessa e coibentata, e la scala che porta al salotto superiore; vista esterna del cortile terrazzato.

Le piante

Le piante ai due livelli, superiore (in alto) e inferiore (in basso):
1) salone,
2) pranzo,
3) cucina,
4) giochi dei ragazzi,
5) studio,
6) camera da letto principale,
7) servizi,
8) cortile terrazzato,
9) garage;
10) camere da letto,
11) servizi,
12) salotto-loft,
13) tetto verde.

Il salone è lo spazio principale della casa e con le sue ampie vetrate è aperto a 360° sul panorama.

A cura di Progetto di: ALTIUS Architecture Inc. (Graham Smith, architetto responsabile), Foto di: courtesy Altius, Servizio e testo di: Loredana Santandrea
se è piaciuto questo articolo 

Commenti

Commenta questa notizia

Tutti i commenti saranno sottoposti ad approvazione da parte della redazione di dibaio.com. Lasciate il vostro contributo.

Per contribuire è necessario confermare il proprio indirizzo e-mail ed effettuare la login

Se non sei registrato clicca qui

TUTTI I COMMENTI NUOVI COMMENTI

x

Si No
%A
Tratto da

CASE E VILLE 32

Prefabbricate TWIN COVER Porte E Finestre

In copertina:
A cura degli architetti G.M. Jonghi Lavarini, R. Fabio Sciacca

Pablo Neruda ha detto che il poeta quello che ha da dire, lo dice in poesia, perchè non ha un altro modo di spiegarlo.
Io, che faccio l'architetto, la morale non la predico: la disegno e la costruisco.
Renzo Piano

CARRELLO
TAG